ServiziMenu principaleHome
Home > Progetti > Fatturazione elettronica PA

Fatturazione elettronica PA

Contenuti riservati »

La recente normativa italiana stabilisce che la Fatturazione verso la Pubblica Amministrazione non avvenga più in modalità "tradizionale" cartacea, bensì solo ed esclusivamente in formato elettronico strutturato XML (eXtensible Markup Language).

Questo sia nei rapporti intercorrenti con la PA Centrale (Ministeri e Presidenza del Consiglio dei Ministri, Agenzie fiscali, Enti e Istituzioni di ricerca, etc.) che con la PA Locale (Amministrazioni Comunali, Amministrazioni Regionali, Enti e Aziende Ospedaliere, etc.).

Il 6 giugno 2014 è iniziata la prima fase, quindi, i fornitori che cedono beni o prestano servizi alla Pubblica Amministrazione Centrale (per esempio, Ministeri, Agenzie Fiscali ed Enti nazionali di Previdenza e Assistenza), hanno l'obbligo di emettere alla stessa solo ed esclusivamente fatture elettroniche in formato XML. In questa prima fase rientrano altresì tutte le scuole e le Istituzioni scolastiche ed educative statali, la Polizia di Stato (Ministero dell'Interno), l'Arma dei Carabinieri (Ministero della Difesa), la Guardia di Finanza (Ministero dell'Economia e delle Finanze), i Vigili del Fuoco (Ministero dell'Interno), il Corpo Forestale dello Stato (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali), l'Esercito, la Marina Militare e l'Aeronautica Militare (Ministero della Difesa), la Polizia Penitenziaria (Ministero della Giustizia). Tutte le restanti PA, comprese le amministrazioni locali, saranno obbligate dal prossimo 31 marzo 2015.

Per fare Fatturazione Elettronica con la PA i fornitori che cedono beni o prestano servizi alle Amministrazioni Pubbliche devono trasmettere al Sistema di Interscambio (SdI) oppure ad altri Hub esclusivamente connessi con lo stesso SdI (intermediari) Fatture Elettroniche in formato XML standard PA, costruite secondo le specifiche tecniche e la struttura sintattica definiti sul sito dello SdI (www.fatturapa.gov.it).

Una volta predisposto il documento Fattura da inviare alla PA in formato elettronico, è necessario apporvi Firma Digitale (o una Firma Elettronica Qualificata) e Riferimento Temporale e, quindi, trasmettere la fattura al sistema deputato a riceverla. Ricevute le Fatture Elettroniche, il Sistema di Interscambio effettua alcune attività di controllo di tipo tecnico e si occupa di indirizzare la Fattura all'ufficio pubblico che ne ha la competenza oppure – se l'esito delle verifiche risultasse negativo – di segnalare la mancata presa in carico della Fattura al mittente.

L'identificazione dell'ufficio pubblico destinatario della fattura avviene grazie all'utilizzo dei codici IPA (Indice delle Pubbliche Amministrazioni), che è l'anagrafica di riferimento per la fatturazione elettronica, ed elenca i codici utilizzati dal Sistema di Interscambio (SdI) per l'indirizzamento delle fatture elettroniche agli uffici centrali e periferici delle pubbliche amministrazioni.